SPEDIZIONE GRATUITA IN TUTTA ITALIA PER ORDINI SUPERIORI A €29,90

VERDURE: ODI ET AMO


Quante volte siamo stati spinti a mangiare la verdura dai nostri genitori? E quante volte ci siamo trovati a mangiarla controvoglia? Soprattutto da bambini e a volte anche da più grandi.

A parer mio, la verdura è un alimento che talvolta è semplicemente incompreso. Spesso e volentieri si tratta di un cibo poco gradito e mangiato quasi a forza, semplicemente per una questione più mentale che di gusto.

Infatti, fin dalla tenera età, viene vista come un alimento poco gradito o comunque che viene respinto dalla maggior parte dei bambini (per lo meno alle prime proposte). A parte le tipologie più amare e fibrose, poco tollerati dai palati dei bimbi, ne esistono alcune tipologie dolci e tenere, come le carote, la zucca, le zucchine, le punte di asparago, … anch’esse inserite tra la “nemica verdura”.

A volte questo succede perché al bambino la verdura viene proposta come “alimento che fa bene e che bisogna assolutamente mangiare”, invece che come un alimento come gli altri da inserire nei pasti. Un alimento che può essere interessante e colorato.

Quando si cresce, semplicemente è un alimento che si conosce poco. Oggi provo a presentartelo io!

 

SCOPRIAMO I BENEFICI DELLA VERDURA INSIEME!

Una cosa è certa. La frutta, la verdura e gli alimenti vegetali in generale fanno molto bene al nostro organismo.

Come suggeriscono le indicazioni della Dieta Mediterranea e come è stato spesso ribadito in numerosi lavoro scientifici, la nostra alimentazione dovrebbe essere composta per la maggior parte da alimenti vegetali: quindi cereali integrali, legumi, frutta, verdura, frutta secca, semi. È una scelta che, oltre ad essere più sostenibile per il nostro pianeta, offre dei benefici significativi al nostro corpo per via delle sostanze presenti in questi alimenti.

Tornando alla verdura, andando avanti con l’età, spesso si comincia ad apprezzarla e ad utilizzarla per molte preparazioni che senza non sarebbero così buone.

IL PIATTO DEL MANGIAR SANO

Prima di dirti alcune informazioni fondamentali per conoscere la verdura, ti mostro il famoso “Piatto del mangiar sano”, elaborato dalla Harvard Medical School, che mostra come dovrebbe essere composto un piatto completo ed equilibrato per gli adulti.

Come possiamo notare dalla raffigurazione, quasi la metà del piatto è occupata dalla verdura, cosa che ci fa comprendere quanto la sua presenza sia importante in un’alimentazione salutare e bilanciata.

 

Constatato il fatto che la verdura sia fondamentale per la nostra alimentazione, vuoi sapere veramente perché fa bene al tuo organismo?

  1. Soprattutto quando consumata a crudo (carote, pomodori, sedano, peperoni, insalata, ravanelli, …) permette di assumere un buon quantitativo di fibra, una sostanza indispensabile per mantenere una buona motilità intestinale (se associata ad una buona idratazione) e la salute del microbiota intestinale.

    Molti studi affermano che la salute della flora intestinale sia molto correlata alla salute dell’organismo in generale. È importante preservarla e assicurarsi di fornire ai ceppi batterici nutrimento per loro positivo.

  2. Al suo interno sono presenti molteplici sostanze importantissime e diverse di tipologia di verdura in tipologia. Parliamo di minerali, vitamine idrosolubili e liposolubili e anche sostanze definite antiossidanti.

    Queste ultime sono molto importanti perché aiutano il nostro organismo a combattere lo stress ossidativo che aumenta con il passare degli anni, arricchendo il pool di antiossidanti all’interno del nostro corpo.
    Queste sostanze sono davvero tante e per assicurarci di assumerne un po’ di tutte, è consigliato variare sempre il colore dei vegetali che mangiamo, poiché ogni colore contiene sostanze diverse: pomodori, melanzane, finocchio, zucca, cavolo viola, cavolfiore, peperoni rossi o gialli, ecc. E lo stesso discorso vale per la frutta.

  3. Mangiare verdura aiuta a mantenere una buona idratazione: all’interno di questo alimento è presente molta acqua, in percentuale diversa in base alla tipologia. Alcune delle verdure che ne contengono di più sono: insalata iceberg, sedano, cetrioli, ravanelli, lattuga, cicoria, zucca, cardi, pomodori, scarola, radicchio, ecc.

  4. La verdura è un alimento davvero versatile che arricchisce le pietanze, le rende più gustose e completa il nostro pasto. Possono essere consumate davvero in qualsiasi modo, ma spesso ce ne dimentichiamo, associando l’idea di “verdura” come tristemente bollita.

  5. Una buona porzione di verdura durante il pasto aiuta, grazie alla fibra contenuta, a controllare maggiormente l’andamento della glicemia e, pertanto, migliorare la sazietà a lungo termine e la regolazione dei segnali fame e sazietà durante la giornata. Questo aspetto è molto utile nel momento in cui si sta seguendo un percorso alimentare.

 

COME CONSUMARLE?

  • Crude in pinzimonio o in insalata condite con olio EVO, aceto, limone e un pizzico di sale
  • Cotte in padella insaporite con le spezie
  • All’interno di preparazioni come la frittata, polpettoni, torte salate di verdura
  • Sottoforma di stufati, con diverse tipologie di verdure cotte in una casseruola con un filo di olio EVO
  • In minestroni, creme di verdure o vellutate
  • Grigliate all’interno del tuo panino preferito
  • A volte, soprattutto le tipologie dal sapore più tenue, all’interno di dolci, come la carota e la barbabietola.

Ultime TIPS molto importanti

  1. Segui la stagionalità della verdura: un prodotto di stagione è indubbiamente più buono, più ricco dal punto di vista nutrizionale e una scelta in questo senso è più sostenbile per il pianeta
  2. Quando consumata come contorno (e non in minestra ad esempio), cuoci la verdura con la vaporiera o in poca acqua: così facendo, eviterai la dispersione dei nutrienti e delle vitamine idrosolubili all’interno dell’acqua di cottura che poi non verrà consumata.

Se vuoi sapere qualcosa di più, non esitare a contattarmi alla mail alessandradietista@cicerisbio.com 😊


Leave a comment


Please note, comments must be approved before they are published